SMETTERE DI FUMARE: SE LA TERAPIA COSTA MENO, È PIÙ FACILE PROVARE.

Un recente studio pubblicato sulla rivista “Tobacco Control” ha indagato la correlazione tra la disponibilità di farmacia a basso costo (o a costo zero) e la propensione a smettere di fumare.
Lo studio, un sondaggio svolto nei Paesi Bassi e in Gran Bretagna, ha rilevato che rispettivamente il 24.9% e il 37% dei fumatori hanno menzionato la disponibilità di farmaci a basso costo/costo zero come fattore motivante a intraprendere un percorso di cessazione dal fumo.
Non è emersa una associazione significativa con le percentuali di successo che rimangono correlate all’efficacia propria della terapia farmacologica e dell’eventuale supporto di uno specialista.
Tra i farmaci antifumo in commercio, la CITISINA si distingue per l’elevato rapporto costo/efficacia e costituisce una terapia dal costo molto contenuto e accessibile a tutti i pazienti fumatori.
Per maggiori informazioni sullo studio: US Nationl Library of Medicine

I commenti sono chiusi