Studio clinico dimostra che il fumo influisce negativamente sulla guarigione nei pazienti con parodontite

I risultati di uno studio presentato ad EuroPerio9 ad Amsterdam ha rilevato come il fumo influisca negativamente sulla guarigione della parodontite dopo un trattamento non chirurgico.

Dr. Aorra Naji, del Centro di riabilitazione orale del Dipartimento di Parodontologia si Falun (Svezia) ha affermato che "Il trattamento parodontale non chirurgico ha ridotto significativamente le tasche più profonde di 4 millimetri sia nei fumatori che nei non fumatori. Tuttavia, abbiamo riscontrato che, un anno dopo il trattamento, la riduzione era più pronunciata nei non fumatori. "

L'obiettivo dello studio era di indagare l'impatto del fumo sulla guarigione parodontale un anno dopo il trattamento non chirurgico.

I dati sono stati ottenuti su 1.551 pazienti trattati tra il 1980 e il 2015 hanno stabilito che, un anno dopo il trattamento, vi era una significativa riduzione dei parametri clinici in tutti i pazienti tuttavia, mentre nei non fumatori la riduzione della profondità della tasca parodontale era del 72%, nei fumatori la riduzione era del 51%, a dimostrazione del fatto che il fumo compromette la guarigione dopo un trattamento parodontale non chirurgico. I ricercatori hanno anche scoperto che la riduzione proporzionale della placca era del 69% nei non fumatori e del 53% nei fumatori.

Riferimenti:
EuroPerio9 Abstract PR433, Impact of smoking on non-surgical periodontal treatment one year after active treatment. PD Dr Aorra Naji, Centre for Oral Rehabilitation, Department of Periodontology, Falun, Sweden. Poster session on Periodontal Therapy.

I commenti sono chiusi